Loading...

ELLE ITALY

La storia di Varsha Thapa, la prima modella nepalese che con le sue trecce sta conquistando New York

Ha lasciato Kathmandu per trasferirsi a New York, ed è subito icona

GETTY IMAGES – DANIEL ZUCHNIK

Ha lasciato Kathmandu per trasferirsi a New York sette anni fa, stabilendosi nel quartiere operaio della street art e dei ristorantini top. Varsha Thapa è diventata iconagrazie a un ricordo portato da casa: usa i dhago – spessi nastri rossi con nappa tradizionalmente utilizzati durante le feste – per rendere coloratissime e uniche le sue lunghissime trecce.

Chi è Varsha Thapa

È nata nel 1990, è alta 178 cm e le sue misure sono da urlo: 82-62-86. Una cascata di lunghi capelli neri, una pelle da sogno, tratti somatici esotici e delicati: Varsha è la prima modella internazionale proveniente dal Nepal a essere ingaggiata da una grossa agenzia americana. Si è laureata in Hospitality Management, ma ha deciso di inseguire a tutti i costi il sogno di sempre, ovvero quello di sfilare sulle passerelle di tutto il mondo: ci è riuscita in poco tempo anche grazie all’agente Roman Young che l’ha istruita a dovere, “da come camminare a cosa indossare ai casting”. Quel corpo statuario e quel viso super particolare hanno catturato da subito l’attenzione degli esperti tanto che, in un solo giorno, è stata chiamata per 19 casting diversi – ed è riuscita a farne ben 18.

Varsha ha finalmente debuttato sulle passerelle per Prabal Gurung durante la Spring/Summer Collection del 2012 e da allora è diventata testimonial di brand cultcome Nike, Vivienne Westwood, Uniqlo, Steve Madden, Mara Hoffman e molti (molti, molti) altri.

GETTY IMAGES – MELODIE JENG

Le passioni di Varsha Thapa

Mentalità aperta, assoluta libertà di essere e interesse per l’arte: è da queste basi che nasce e cresce la passione di Varsha per l’industria del fashion. Ama i liberi pensatori, gli artisti che si sforzano di esprimere idee creative e rivoluzionarie, ma soprattutto adora la possibilità di trasformarsi in personaggi sempre diversi a seconda della passerella che calca.

Ma Varsha non si occupa solo di moda: si dedica con anima e corpo a beneficenza e assistenza dei più bisognosi. Ha infatti organizzato svariate raccolte fondi per le vittime del devastante terremoto in Nepal del 2015, aiutando anche a ricostruire una scuola. Sul suo sito offre sostegno alle vittime di bullismo e cerca di diffondere il più possibile un messaggio body positive che faccia breccia nella cultura contemporanea. Il desiderio di Varsha è quello di “restituire qualcosa al mondo che le ha dato così tanto”. E ci riesce con grande naturalezza: zero forzature, estrema eleganza, giusta ironia e sincero interesse nei confronti di chi soffre.

La scrittura è un altro dei suoi pallini: il suo passatempo preferito è scrivere sul suo diario e – se si sente ispirata – comporre anche qualche poesia. E poi c’è anche la musica: è voce e paroliera dei Sita Virgin, band che mixa suoni sensuali a psichedelia di ispirazione Seventies (periodo di grande ispirazione per i look di Varsha).

GETTY IMAGES – MELODIE JENG

Le trecce di Varsha Thapa che stanno conquistando New York

Si è portata dal Nepal i dagho perché “mi permettono di essere qui, ma di sentirmi ancora come se fossi lì”. È per questo che ha deciso di intrecciarli ai suoi lunghi capelli, esattamente come farebbe durante le festività tradizionali: “È stata la prima cosa che ho desiderato fare quando mi sono fatta crescere i capelli” La tecnica è quella che le ha tramandato la nonna: intricata e incredibilmente affascinante.

Così, le sue grosse trecce nere con nastri rossi sono diventate simbolo di una campagna pubblicitaria Nike, ma la accompagnano anche sul palco durante i tour con la sua band. Un’acconciatura che la fa sentire “inarrestabile, indistruttibile, una donna molto forte e potente”.

GETTY IMAGES – DANIEL ZUCHNIK

I segreti di bellezza di Varsha Thapa

Le trecce non sono l’unico pezzo di Nepal che Varsha ha portato con sé: ha fatto tesoro delle ricette di bellezza fai-da-te di sua madre e le ha messe in pratica con ottimi risultati, tanto da avere una pelle perfetta nonostante le infinite ore sul set.

Il suo cavallo di battaglia sono le maschere al viso a base di farina, curcuma e tè verde in polvere che aiutano a lenire la pelle dopo un’intera giornata al trucco, mentre le uova sbattute con il mate la aiutano a mantenere i lunghissimi capelli ultra lisci e super morbidi. Dalla madre ha anche imparato un altro incredibile beauty hack: strofinare la parte interna della buccia delle banane sul viso rende la pelle più compatta ed elastica – da ripetere una volta a settimana.

Il suo segreto numero 1 è però lo shilajit, un antico rimedio ayurvedico e tibetano a base di acido fulvico che stimola il sistema immunitario, aiuta la circolazione e disintossica la pelle.

Perché Varsha Thapa conquisterà il mondo

Si lancia in balli sfrenati ogni volta che sente della musica, è spontanea e non reprime la bambina che è ancora dentro di lei, è portavoce delle diversità ed è sempre attenta a chi la circonda: non solo bellissima fuori, ma (soprattutto) anche dentro.

 

https://www.elle.com/it/magazine/storie-di-donne/a23021800/varsha-thapa-top-model/

WORK

RUNWAY
RUNWAY
Levi’s Made & Crafted Campaign
Vogue Paris by Inez and Vinoodh
Portrait – Rika Magazine by Inez and Vinoodh